Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK
Vai al contenuto

100autori.it - Centoautori del cinema italiano

100autori

Come iscriversi all'Associazione

La procedura per iscriversi è molto semplice, basta compilare ed inviare uno dei due moduli che troverete nella sezione iscrizioni e pagare la quota associativa annuale.

Cerca nel sito

100autori network

Comunicati stampa

03 Luglio 2018

100autori, contraria ad ogni forma di censura o limitazione della circolazione di notizie e contenuti, si schiera a favore dell'approvazione della proposta di direttiva europea sul Copyright

100autori, la più rappresentativa associazione dell’autorialità audiovisiva, invita tutti i Parlamentari europei a votare il prossimo 5 luglio a favore dell’approvazione della proposta di direttiva sul Copyright e si rivolge al Governo Italiano perché sostenga questa giusta battaglia nell’interesse nazionale.

Il 5 luglio prossimo il Parlamento Europeo sarà chiamato, infatti, ad esprimersi sulla regolamentazione del Diritto d’Autore nel mercato unico digitale.

La Commissione Affari Legali del Parlamento Europeo ha a lungo lavorato con i gruppi parlamentari di tutti i paesi membri e deliberato l’impianto legislativo che proporrà al Parlamento riunito in seduta plenaria.

Tale impianto, seppur frutto di inevitabili compromessi, per la prima volta nella storia dell’Unione Europea, regolamenta per legge il Copyright e sancisce, con gli articoli 13, 14a, 15, 16 e 16a, il diritto degli Autori di contenuti audiovisivi a una giusta remunerazione attraverso la ripartizione dei proventi derivati dallo sfruttamento delle loro opere, oltre ad imporre l’obbligo di comunicazione da parte di broadcaster e delle piattaforme digitali della trasmissione e dello sfruttamento delle opere ai titolari legali dei diritti d’autore ("triangolo della trasparenza").

Allo stato attuale non esistono norme europee condivise tra tutti gli Stati membri a tutela del Copyright e le opere possono essere diffuse da chiunque senza alcun obbligo o sanzione, consentendo agli Over-The-Top (OTT), ossia alle imprese che forniscono, attraverso la rete Internet, servizi, contenuti (soprattutto video) e applicazioni, di ottenere ricavi multimilionari, senza i dovuti riconoscimenti agli autori di tali opere.

I proventi generati dal settore audiovisivo, grazie al fondamentale lavoro di creazione degli autori, vanno attualmente ad esclusivo beneficio dei colossi di Internet, i cosiddetti FAGA (Facebook, Amazon, Google e Apple), e non solo.

Tali proventi, se correttamente regolamentati e ripartiti con chi ne detiene legalmente i diritti, possono invece contribuire al miglioramento del PIL, creare più occupazione e ricchezza, sostenere il welfare di categorie artistiche scarsamente tutelate, contribuire alla conoscenza e alla produzione culturale, salvaguardando la libertà di espressione degli autori, il linguaggio e la forza di ciascun Paese Europeo.