Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK
Vai al contenuto

100autori.it - Centoautori del cinema italiano

100autori

Come iscriversi all'Associazione

La procedura per iscriversi è molto semplice, basta compilare ed inviare uno dei due moduli che troverete nella sezione iscrizioni e pagare la quota associativa annuale.

Cerca nel sito

100autori network

Eventi

02 Luglio 2010

LAGO FILM FEST 6Ao Festival internazionale di Cortometraggi


Documentari e Sceneggiature
23-31 luglio e 1 agosto 2010
Revine Lago, Italia


Premio “Roldolfo Sonego” alla miglior sceneggiatura originale,
Ecco i selezionati della sesta edizione.

Nella suggestiva cornice di Revine Lago, tra le montagne e le acque lacustri, sta per prendere vita la sesta edizione del Lago Film Fest, e con essa torna il premio alla miglior sceneggiatura per cortometraggi, in lingua italiana, firmata da uno o più autori, dedicata al grande sceneggiatore cinematografico bellunese Rodolfo Sonego.
Il festival proporrà ques'anno quasi 150 opere visive divise in più sezioni tra cui: Unicef, Nuovi Segni, Limno, sezione Veneto. Il 1 agosto chiuderà con lo spettacolo teatrale “Pitecus”di Antonio Rezza.

Il premio al genio di Sonego è una delle colonne portanti del Lago film Fest. Sonego è stato capace, con Alberto Sordi, di leggere e raccontare le sfumature, le azioni e il modo di affrontare il grande passaggio storico dell'Italia della crescita economica e del boom degli anni sessanta con tutte le sue dense contraddizioni.

Ma cos'era il racconto cinematografico per Sonego?
Dalle parole di Antonello Rinaldi, ormai da anni amico del Lago Film Fest:

“(...) non esistevano regole preconfezionate, né formule o ricette che permettessero di scrivere una buona sceneggiatura.
(…)esistevano solo le storie. Ognuna con un suo percorso, le sue regole, un suo modo di essere raccontata, che si poteva trovare solo lavorandoci sopra, (..). Il metodo Sonego consisteva nell’analisi dialettica dell’idea in questione.
Dopo settimane, a volte mesi, di amabili (ed estenuanti) chiacchierate, si arrivava alla stesura di una scaletta definitiva e ultra dettagliata, sulla base della quale scrivere la sceneggiatura era un gioco da ragazzi.”

Da più di 800 testi arrivati, che ci hanno raccontato la vita di molti, sono stati selezionati :

- Femme di Marco Borromei
- Respira di Fabrizio Parisi, Francesca Petrucci
- A occhi aperti di Rosario Sparti
- Il viaggio di Pamela di Costantino Mori
- Amo di Mariusz Wojtowicz
- Una, due storie di Fabio Boscaini
- Sul filo di Roberto Farina
- Il passo della lumaca di Daniele Suraci
- 3 e 27 di Massimo De Angelis
- Senza Sale di Luca Scalet, Livio Vianello
- Silenzio di Giovanni Campanale
- Play/Rec di Antonio Ruscigno
- I figli degli elfi di Diego Carli

Al Lago, in una serata dedicata, potremmo sapere quali sono le esistenze ed i fatti che hanno fatto emergere queste scritture e verrà presentato “L’anticonformismo intelligente di Rodolfo Sonego (opere 1921-1998) di Mirco Melanco che racconta i passaggi di una carriera unica nella storia del cinema italiano.

I Giurati:
ANTONELLO RINALDI
Amico e collaboratore di Sonego, con lui lavora alle sceneggiature tra cui a “Il quaderno della spesa”, regia di Tonino Cervi. Con Sonego firma due miniserie di Rai Due “Provincia segreta” e “Provincia segreta 2”.
Di suo pugno sono le serie di Rai Uno “Una famiglia in giallo”, con Ugo Tognazzi, e “Un commissario a Roma”, con Nino Manfredi. Ha collaborato con Dardano Sacchetti, Leone Colonna, Marco Pozzi, Alexis Sweet, Marina Confalone. Dal '99 lavora per la Rai.
MANLIO PIVA
Docente al DAMS di Padova, insegna Storia del Cinema Italiano nella sede italiana della Boston University.Scrive e produce format radiofonici che speriementa con gli studenti alla radio locale. Appassionato divulgatore e didatta degli audiovisivi, ha collaborato con numerose agenzie formative, pubblicando saggi critici e proposte didattiche.