Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK
Vai al contenuto

100autori.it - Centoautori del cinema italiano

100autori

Come iscriversi all'Associazione

La procedura per iscriversi è molto semplice, basta compilare ed inviare uno dei due moduli che troverete nella sezione iscrizioni e pagare la quota associativa annuale.

Cerca nel sito

100autori network

Notizie

16 Aprile 2018

Cinema, pubblicita' 37,4% nel primo bimestre.

Fonte primaonline -  “Con gli investimenti pubblicitari stimati in crescita a doppia cifra per l’intero 2018, il Cinema si conferma sempre più come un media tra i più apprezzati per la video strategy”. A dichiararlo Fabio Poli, presidente Fcp-Associnema, commentando i dati del fatturato pubblicitario gennaio-febbraio del mezzo Cinema diffusi da Nielsen. “L’incremento sul corrispettivo 2017 è del +37,4%. Il primo trimestre, per il quale nelle prossime settimane saranno ufficializzati i dati da Nielsen, si chiuderà con un incremento anno su anno di circa il 30%, risultato che migliora la già ottima performance dell’ultimo quarter 2017”. “A creare ottimismo sull’offerta Cinema non è solo l’aumento di fatturato e della quota di investimento pubblicitario, c’è un altro dato che andrebbe sottolineato: quello del numero dei nuovi clienti che stanno affacciandosi al mezzo. Quando vediamo grandi multinazionali del FMCG testare il media e poi dichiarare di inserirlo sistematicamente nella loro strategia di comunicazione non possiamo che guardare alle tante opportunità che abbiamo davanti”. Fabio Poli “È noto che il Cinema ha caratteristiche vincenti che lo rendono diverso da qualsiasi altro media, tra le quali la fruizione ‘immersiva’, con assenza di distrazioni. Lo spettatore è completamente catturato dalla proiezione, ed è ancora considerata buona regola mettere via il cellulare quando si è in sala. La voglia di essere intrattenuti in un mondo di immagini impattanti e audio avvolgente premia la creatività e lo storytelling del brand ingaggiando lo spettatore, in altri termini consegnano alle aziende un formidabile touchpoint per raccontarsi e far vivere una forte esperienza al pubblico”. “L’auspicio – ha concluso Poli – è che anche in Italia la disponibilità di ricerche puntuali, che Fcp e Audimovie stanno valutando, contribuisca ad una migliore comprensione del media, allineando gli investimenti a quanto accade nel resto d’Europa dove il moviegoer è conteso e il Cinema considerato un media strategico”.